come batterti la faccia


Risposta 1:

In quasi tutti i casi, la persona che esegue il primo swing ha torto, indipendentemente dal fatto che si connetta con il bersaglio. Se ti sta tirando pugni ma è troppo incompetente per farne atterrare qualcuno, solo perché sei migliore di lui in realtà collegando uno non significa che ora sei tu il colpevole.

Quindi quello che oscilla per primo ha sempre torto, giusto? Bene…

Ho un amico che lavora nella vendita al dettaglio ed è il responsabile del turno di un negozio in una zona piuttosto difficile. Ha avuto a che fare con più taccheggiatori e quando vengono scoperti, spesso iniziano a dondolare.

La politica che gli è stata insegnata è quella di fermare un taccheggiatore bloccandone l'uscita. Dovrebbe quindi valutare la violenza e il danno che potrebbero causare su base individuale: se hanno un coltello, non vale la pena essere pugnalati per salvare una confezione da 4 di birra. Tuttavia, se l'autore del reato tira il primo pugno, anche se manca, tutte le scommesse sono annullate e gli è stato permesso di fare praticamente qualsiasi cosa senza timore di ripercussioni purché fosse legale.

Una delle cose che gli è stato detto è che se è costretto dall'aggressore a fare tre passi indietro a causa della sua aggressività, in quel momento il taccheggiatore è l'aggressore nella lotta, anche se il dipendente fa il primo colpo. Questa sarebbe considerata autodifesa perché l'avversario gli stava chiaramente "venendo" con l'intenzione di fare del male, anche se in realtà non aveva ancora fatto del male.

Poiché la tua domanda mira specificamente all'idea di più pugni che vengono lanciati, realisticamente, non puoi continuare a schivarli per sempre; devi fare qualcosa per metterti al sicuro. Ciò significa scappare o affrontare la minaccia.

Se tutti possiamo mettere da parte il nostro ego per un momento, scappare è l'opzione intelligente. Nessuno si fa male, torni a casa sano e salvo e fai rapporto alla polizia se l'incidente lo giustifica. Non sai mai come andrà a finire un combattimento, e anche se sei un buon combattente, un pugno sfortunato potrebbe significare che finisce male per te comunque. Inoltre, se corri non hai paura di ripercussioni anche per avergli fatto il culo, che è ciò di cui la tua domanda è più preoccupata.

Tuttavia, sappiamo tutti che scappare non è sempre l'opzione migliore. Forse sei messo alle strette? Forse ha qualcosa per cui vale la pena lottare: un bene prezioso, una persona cara? Se non hai altra scelta che combattere, dai tutto quello che hai. L'aggressività pura può essere uno dei modi più efficaci per porre fine a una rissa di strada; non è necessario metterlo fuori combattimento per farlo sottomettere e decidere di lasciarti stare. Mostrargli che non sei qualcuno con cui scopare potrebbe essere tutto ciò che serve per fermare l'attacco, e se un colpo netto al naso invia quel messaggio, nessuno sano di mente ti biasimerebbe per questo.

Penso che la cosa più importante sia che il combattimento si concluda nel modo più sicuro possibile sia per l'attaccante che per il difensore; se devi tirare il primo pugno per impedire che la tua testa venga calpestata sul pavimento, allora dondola via.

Tenere al sicuro.


Risposta 2:

La situazione sembra un po 'strana. Vedo due scenari.

Se qualcuno sta davvero cercando di colpirti, sentirai l'intento. Inoltre non hai detto se stai sfuggendo freneticamente o stai semplicemente fermo. I primi pugni potrebbero essere colpi sparati dopo l'avvicinamento, in cui verrai sicuramente colpito da qualche parte.

Istintivamente, se ci si sente minacciati, l'impulso è di bloccare, eludere o contrattaccare. Questo è l'istinto di base, senza bisogno di decidere. Quando si vuole davvero colpirti, la persona cercherà qualsiasi opportunità per colpirti, non solo in faccia.

Dal modo in cui lo fai, senti che il tuo avversario si sta atteggiando, proprio come un cane pauroso, con i capelli arruffati, che ringhia e fa schioccare i denti. È più minacciato di te, altrimenti lo avresti colpito di nuovo.

L'altra alternativa è la persona che ti sta provocando, per permettergli una giustificazione per picchiarti.

Senza essere realmente nell'incontro, non posso dire quale sia quale. Uno è che l'altra parte è fisicamente più debole di te, l'altra è più grande e più forte, o pensa di avere più credibilità da strada di te.

Non cercare una giustificazione per picchiare qualcuno, lascia che qualcuno trovi una giustificazione per maltrattarti. Evita i conflitti quando possibile.


Risposta 3:

Se qualcuno ti lancia ripetutamente pugni a pochi centimetri dal tuo viso e dice che ti picchierà e ti ucciderà, hai il diritto di colpirlo per primo? O devi prima essere colpito prima di poterti difendere?

Mentre la formulazione esatta varia, Assalto è generalmente definito come l'uso della forza o la minaccia dell'uso della forza. Non è necessario che si verifichino lesioni effettive. Lanciarti pugni davanti al viso e minacciare di picchiarti e ucciderti è un assalto.

Se qualcuno ti sta minacciando sia verbalmente che tramite il linguaggio del corpo, e ha i mezzi per ferirti effettivamente, e direi che minacciare di ucciderti essendo in grado di metterti le mani su di te soddisfa quei criteri, è lui che ha iniziato la lotta, non tu. Anche se sei tu a prenderlo a pugni per primo.

Ai tempi in cui ho scelto male i miei compagni di bevute, ci sono state alcune volte uno stronzo ubriaco ha minacciato di picchiare me o il mio amico idiota, quindi l'ho picchiato. Non vedo davvero alcun motivo per non prendere sul serio la minaccia di lesioni personali da parte di uno sconosciuto.

Ora, ti garantisco che qualche sciocco piagnucoloso si aggrapperà alle sue perle e dichiarerà che sei un grande cattivo cattivo per aver preso a pugni prima. Non ascoltare quell'idiota. Non ha mai litigato. Se qualcuno dichiara l'intenzione di farti del male ed è in grado di portare a termine quella minaccia, hai tutto il diritto di difenderti, anche se non ti ha ancora toccato.


Risposta 4:

Puoi difenderti se hai buone ragioni per credere di essere in pericolo. Ad esempio, quattro ragazzi iniziano a camminare verso di te da direzioni diverse, sembrano molto seri, come darti uno sguardo cattivo, non c'è nient'altro intorno a te verso cui potrebbero ragionevolmente camminare, non aspetterai che nessuno di loro lo faccia colpisci, non aspetterai nemmeno che dicano una parola. L'unica cosa che aspetterai è che quello di fronte a te sia a portata di mano. Colpisci quel ragazzo più forte che puoi, ma soprattutto, con il tuo attacco più veloce e meno telegrafato e scappa. Se ti seguono, inserisci la prima attività che vedi. E se ti seguono, dì a qualcuno: "Sono seguito, chiama i servizi di emergenza". Se ti hanno colto proprio mentre ti imbattevi nell'attività, urla quella frase dal primo dell'anno di Skrillex.


Risposta 5:

La prima è stata una sorpresa, chi sarebbe la "F" che F'n stupido? La minaccia di morte ottiene un pareggio e il secondo pugno non ha importanza perché un proiettile ha punteggiato la loro frase. Darò lo stesso consiglio a un veterano USMC da 240 libbre 6′4 (ne ho uno che lavora per me in questo momento, magro di cervello e mi chiedo i mezzi con cui ha lasciato il corpo ... potrebbe essere rubato al valore ... ma il tipo è in forma e questo è ciò a cui stavo arrivando, un ragazzo grande che può combattere.) come farei con una donna di 99 libbre: non farti buttare giù. Se vieni messo fuori combattimento, hanno la tua pistola, il tuo ano, il tuo cellulare, il tuo portafoglio (che contiene il tuo indirizzo), puoi scegliere ciò che conta di più, ma se vieni messo fuori combattimento possono prenderlo.

Se non vale la pena sparare, non vale la pena litigare.

Un'oscillazione reale e non puoi prevedere se disegneranno "un pollice in meno" può renderti privo di sensi, rendere la tua arma disponibile a un criminale (sono diventati una persona proibita alle linee 11b e 11d su un 4473, anche se non erano proibiti prima)

Non entrare in incontri di boxe senza consenso. Se qualcuno ti impegna in un incontro di boxe senza il tuo consenso e non sei in grado di ritirarti e chiamare la polizia, sparagli. Veramente.


Risposta 6:

No. Non rispondi se si sta gonfiando, finirai nei guai. Inoltre non vieni colpito. Se la persona si lancia a una distanza impressionante e si impegna a dare un pugno, rispondi con calma e all'improvviso. Fondamentalmente, schivali e disponili: se è dritto, contrattacca facendo uno scivolone-1–2 al mento del bullo ... Se è un gancio, contrattacca eseguendo un tiro-2–3 al mento del bullo e alla mascella inferiore della schiena.

Questo bullo suona come un caso in cui il tuo problema può essere risolto con un amico con una videocamera, un avvocato e 3-6 mesi di lezioni di boxe. Prendi un allenatore di boxe e digli cosa sta succedendo. Ti condizionerà mentalmente e fisicamente. Suderai molto! Ti insegnerà come colpire forte, veloce e preciso! Imparerai il gioco di gambe, le manovre, l'evasione e i blocchi. Imparerai ad attaccare, difendere e contrattaccare. Assicurati che verso la fine del tuo 2 ° mese, il tuo istruttore inizi con un leggero sparring full-contact… Entro la fine del 3 ° mese dovresti avere circa 4 sessioni di hard sparring full-contact e 8 sessioni di light full-contact sparring.

Aspetterò fino a 6 mesi solo per andare sul sicuro. Il tuo bullo alla fine cerca di mettere alla prova i tuoi limiti e ti colpisce sul serio. È allora che lo contrasti duramente e lo esponi a un testimone che registra l'incidente. Assicurati che qualcuno lo registri per primo mentre fissa i guai in modo da avere le prove che non sei tu che stai cercando di orchestrare un dramma, ma semplicemente ti stai difendendo dai danni fisici. Buona fortuna, mantieni la calma. Rispondi con rabbia fredda.


Risposta 7:

Se non fossi in grado di indietreggiare e dare spazio, parrei i pugni: indirizzali di lato. Sai, "ceretta, togli la cera", quel genere di cose.

Impedirebbe ai pugni di raggiungere la mia faccia (se il giudizio a distanza del falsario non è così buono), e mi farebbe sembrare un po '"marziale" se lo facessi mantenendo l'equilibrio.

E parare è meno aggressivo del blocco o del pugno, quindi è meno probabile che il pugile possa affermare che sei stato aggressivo per primo.

Due avvertenze:

  • questo richiede formazione
  • Non ho mai litigato, quindi potrei parlare dal culo. Ma immagino che se i pugni vengono ripetuti, hai ricevuto un avvertimento, quindi la parata potrebbe essere un'opzione disponibile.

Se qualche idiota ti chiama per indietreggiare, adotta una faccia seria e dì che preferiresti fare marcia indietro e sbagliare piuttosto che stare fermo e sbagli.


Risposta 8:

No, NON devi aspettare finché non sarai colpito… CA PC 240-Un assalto è un tentativo illegale, unito a un'abilità presente, di infliggere una ferita violenta alla persona di un altro. mossa fisica (prenderti a pugni) + minacce verbali = PIÙ di una ragionevole giustificazione legale per l'uso preventivo di una forza ragionevole, vale a dire qualcosa di meno che cercare di mutilare lo stronzo è probabilmente legale ... INAL, quindi questo non è un consiglio legale, e tieni presente che anche il l'uso più giudizioso della forza fisica potrebbe farti difendere anche in tribunale, il procuratore può essere scettico e scontroso ...


Risposta 9:

Nel momento in cui tirano un pugno non hai idea se quel pugno cadrà o se lo fermeranno. Non restare lì, sperando che si fermino presto. MOSSA! Levati di mezzo. Coprire. Proteggiti.

Quindi, se puoi scappare: scappa. L'autodifesa non consiste nel battere l'altra persona. Si tratta di sopravvivere, e il modo migliore per farlo è non essere dove si trova la lotta.

Se non puoi scappare, prendi tutte le misure necessarie per fermare la minaccia. Potrebbe colpirli, forse afferrarli. Potrebbe essere la consegna del tuo portafoglio (di nuovo: la sopravvivenza è la tua priorità assoluta. Il denaro può essere sostituito, la tua vita no).

Nel complesso, colpire le persone non è un ottimo piano a meno che tu non sappia come farlo abbastanza bene. Hai la stessa probabilità di farti del male quanto di fargli del male. C'è anche il rischio reale che qualcuno finisca morto e l'altra persona finisca in prigione.


Risposta 10:

Dipende da cosa farebbe una persona ragionevole in quello scenario e se sei davvero spaventato per la tua vita.

Se potessi ragionevolmente sfuggire a quella situazione ma scegliessi di non farlo e intensificarla ulteriormente, la legge non ti sorriderebbe.

Se sei un abile artista marziale e l'aspirante assassino un bambino di 5 anni, immagino che tu conosca anche la risposta.

Se sei su una sedia a rotelle, non puoi ritirarti e il ragazzo è un teppista dall'aspetto imponente, è anche ovvio.

Dove diventa interessante è l'area in mezzo. Così interessante infatti che di solito ha bisogno dei tribunali per risolverlo.

Se ti trovi in ​​una situazione del genere, devi decidere tra potenziali lesioni o morte e potenziale detenzione.


Risposta 11:

Atto ostile o intento ostile ... questa è una base solida per definire il diritto all'autodifesa.

Se qualcuno ti ha colpito, questo è definito come un atto ostile. Quindi, hai il diritto di agire in tua difesa.

Se qualcuno ti minaccia ripetutamente e lo fa con l'aperta dimostrazione di azione nei tuoi confronti, questo è definito come intento ostile. Quindi, hai il diritto di agire per tua autodifesa.

Quindi, per farla breve: il tuo scenario è una dimostrazione di intenti ostili. Quindi, hai il diritto di agire in tua difesa. Personalmente, lascerei l'area con la chiara consapevolezza che la prossima volta che sarò minacciato verrà intrapresa un'azione. Quindi farei del mio meglio per evitare quella persona senza cambiare quando e cosa faccio. E sarei pronto a "mantenere la tua posizione" se (e quando) quell'idiota avesse scelto di affrontarmi di nuovo.